1
3
2

Presidio idrogeologico in collina e montagna 

Con la L.R. 7/2012 la Renana ha visto riconosciuto il proprio ruolo nella difesa del comprensorio collinare e montano, dove il Consorzio progetta e realizza opere di contrasto al dissesto idrogeologico, sistemazioni idrauliche all’interno di corsi d’acqua demaniali e interventi per migliorare la fruibilità dell’ambiente e del territorio. 

ll comprensorio collinare e montano si estende per 201.703 ettari e interessa, oltre alla Città Metropolitana di Bologna, porzioni degli ambiti provinciali di Modena, Prato, Pistoia e della Città Metropolitana di Firenze, compresi nel bacino del fiume Reno. Il territorio montano rappresenta il 59% dell’area consortile: in questa zona la Renana progetta e realizza interventi in sinergia e cofinanziamento con gli enti pubblici.

attività svolte  
Nel 2018 sono stati realizzati 62 interventi (investimento complessivo 3.457.266 euro), di cui 17 (per 1.683.153 euro) su progetti redatti nel 2017. Ulteriore attività è stata destinata alla redazione di altri 8 progetti (circa 1.774.000 euro) per la programmazione esecutiva del 2019 e alla redazione di 3 studi di fattibilità
 
tipologie di intervento 
Briglie, soglie, difese spondali e rampe in scogliera di pietrame sono le principali opere nell’alveo dei corsi d’acqua. Palificate di legno, gabbionate e muri in pietrame sono destinati alle pendici instabili per il contrasto al dissesto idrogeologico. Si realizzano anche sistemazioni a servizio della viabilità e per la fruizione ambientale. 
          
monitoraggio e sopralluoghi 
Si effettuano costantemente sopralluoghi tecnici su chiamata di enti locali e di privati, per rilevare criticità idrauliche e idrogeologiche e valutare possibili azioni di contrasto. Tra il 2005 e il 2018 sono stati effettuati nel comprensorio montano della Renana 1.395 sopralluoghi di carattere tecnico, di cui 82 nell'ultimo anno. 

 

Risultato
  • 3
(3 valutazioni)