1
3
2

Attività agricola e tutela ambientale  

La Bonifica Renana gestisce in forma diretta l’attività agricola su 1.760 ettari, suddivisi in quattro corpi, per lo più ricadenti nelle casse di espansione di sistema e negli ambiti territoriali soggetti a vincolo idraulico permanente. Le funzioni di gestione idraulica delle acque di superficie (scolo, distribuzione idrica e tutela idrogeologica) che la Bonifica Renana svolge comportano significativi risvolti per la salvaguardia ambientale. 
attività agricola e ambientale 
L’attività agricola della Renana si caratterizza per la sostenibilità: dalle colture biologiche alle sperimentazioni sulle essenze da biomassa, sono molte le iniziative in multifunzionalità e tutela della biodiversità. Si realizzano anche interventi di pulizia e sfalcio dei canali consortili e, per gli enti locali, verde pubblico a servizio della nuove casse di espansione e vasche di laminazione, opere di ingegneria naturalistica, creazione di prati e boschi igrofili, gestione faunistica.
gestione aree umide  
Al nodo idraulico di Saiarino e Vallesanta sono connesse le principali casse di espansione di sistema: Bassarone, Campotto e Vallesanta. 850 ha di valli, incluse nella VI stazione del Parco del Delta del Po. Si aggiungono le casse Gandazzolo Vecchia, Cornacchia e Dosolo, quest'ultima destinata al riequilibrio ecologico e naturalistico. Bassarone, Campotto, Vallesanta e Dosolo sono visitabili su prenotazione. 
vantaggi ambientali della funzione irrigua 
La Renana distribuisce per l'irrigazione circa 70 milioni di metri cubi di acqua annui. L'uso di acque di superficie, oltre a garantire un’agricoltura professionale e di qualità, comporta effetti positivi sull’ambiente: il ritorno della risorsa idrica nel ciclo naturale, la ricarica delle falde freatiche, la diluizione e la fitodepurazione dei reflui degli scarichi urbani, il mantenimento dell’agroecosistema naturale, del paesaggio rurale storico e di un’agricoltura vitale. 
Risultato
  • 0
(0 valutazioni)